Logo per la stampa

Provincia Autonoma di Trento - Agenzia provinciale per le risorse idriche e l'energia

 
 
 

AVVISO DI PREINFORMAZIONE SENZA INDIZIONE DI GARA

e individuazione delle concessioni di grande derivazione d'acqua a scopo idroelettrico in scadenza al 31 dicembre 2020, quinto anno successivo a quello di approvazione della D.G.P. 2495/2015 e sospensione delle procedure per la riassegnazione

Si rende noto che la Provincia autonoma di Trento, ai sensi dell’art. 1 bis 1 della legge provinciale 6 marzo 1998, n. 4 e s.m., con deliberazione della Giunta provinciale n. 2495 di data 30 dicembre 2015, assunta ai sensi dell'art. 1 bis 1 della legge provinciale 6 marzo 1998, n.4 e s.m., aveva indivuato le concessioni di grande derivazione d’acqua a scopo idroelettrico in scadenza entro il 31 dicembre 2020, quinto anno successivo a quello di approvazione della medesima deliberazione di seguito elencate, la cui scadenza, a seguito dell’accettazione della proroga decennale acquisita ai sensi dell’art. 1 bis 1, comma 15 ter, della l.p. 6 marzo 1998, n. 4, è fissata al 31 dicembre 2020:

  1. concessione di Ala (GDI 17 AD)
  2. concessione di Avio - Pra da Stua (GDI 18 AD)
  3. concessione di Caoria (GDI 07 AV)
  4. concessione di Riva - Ponale (GDI 24 SA)
  5. concessione di Boazzo – Cimego - Storo (GDI 26 CH)
  6. concessione di Predazzo (GDI 06 AV)
  7. concessione di Malga Mare – Careser (GDI 01 NO)
  8. concessione di Cogolo (GDI 02 NO)
  9. concessione di San Silvestro (GDI 10 BR)
  10. concessione di Val Noana (GDI 11 BR)
  11. concessione di Grigno – Costa Brunella (GDI 16 BR)
  12. concessione di Carzano (GDI 15 BR)
  13. concessione di Nembia – Santa Massenza (GDI 22 SA)
  14. concessione di Torbole (GDI 23 SA)
  15. concessione di Bussolengo-Chievo (GDI 20 AD) - derivazione a scavalco con il Veneto
  16. concessione di Schener Moline (GDI 14 BR) - derivazione a scavalco con il Veneto.

La stessa deliberazione demandava ad un diverso provvedimento, in attesa dell'approvazione del decreto previsto dall'articolo 12, comma 2, del del d.lgs. 16 marzo 1999, n. 79, la fissazione dei termini per l'avvio delle procedure per la ri-assegnazione delle predette concessioni .

Per effetto dell'entrata in vigore dell'art. 1, comma 833 della legge 27 dicembre 2017, n. 205 che ha introdotto il comma 6 nell'articolo 13 del decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1972, n. 670 ("Approvazione del testo unico delle leggi costituzionali concernenti lo Statuto speciale per il Trentino - Alto Adige"), le predette concessioni sono state prorogate di diritto a decorrere dal 1 gennaio 2021 per il periodo utile al completamento delle procedure di rassegnazione e, comunque, non oltre il 31 dicembre 2022.

Si informa che, per effetto dell'entrata in vigore della legge provinciale 30 dicembre 2015, n. 20 (che ha introdotto l'art. 1 bis 4 nella legge provinciale n. 4/1998), le procedure per la riassegnazione delle suddette concessioni restano sospese in attesa dell'approvazione del decreto previsto dall'articolo 12, comma 2 del d.lgs. 16 marzo 1999, n. 79.

 
 
 
credits | note legali | Intranet | scrivi al gruppo web | Cookie Policy