Logo per la stampa

Provincia Autonoma di Trento - Agenzia provinciale per le risorse idriche e l'energia

 
 
 
Chi siamo e cosa facciamo

 

Con la legge provinciale 27 dicembre 2012, n. 25, art. 29 comma 1, l'Agenzia provinciale per l'energia ha assunto la nuova denominazione di Agenzia provinciale per le risorse idriche e l’energia  - A.P.R.I.E. e riunisce le competenze sia in materia di energia sia in materia di acque pubbliche vista la stretta correlazione esistente fra le materie.

Con la deliberazione della Giunta provinciale n. 2775 di data 14 dicembre 2012 sono state soppressi con decorrenza dal 1° gennaio 2013: il Servizio pianificazione energetica (incardinato nell'ex APE), il Servizio gestioni e autorizzazioni in materia di energia (incardinato nell' ex APE) e il Servizio utilizzazione delle acque pubbliche (SUAP) e istituite le nuove strutture. Con deliberazione della Giunta provinciale n. 608 del 5 aprile 2013 sono state riorganizzate le strutture di III livello (gli Uffici). Con la deliberazione della Giunta provinciale n. 1509 di data 7 settembre 2015 è stato soppresso l'Incarico dirigenziale per la pianificazione delle risorse idriche ed energetiche ed è stata isituita l'Unità di missione semplice grandi concessioni idroelettriche e gara gas. Con la deliberazione della Giunta provinciale n. 1685 di data 6 ottobre 2015 è stato previsto l’incardinamento, presso l’Agenzia provinciale per le risorse idriche e l’energia (A.P.R.I.E.), dell’Ufficio studi e pianificazione, prima incardinato presso il Dipartimento protezione civile.


L'Agenzia provinciale per le risorse idriche e l'energia risulta ora costituita da:

 

All'Agenzia in base alla deliberazione della Giunta provinciale n. 2991 del 27 dicembre 2012 spettano le seguenti funzioni:

  • attua la normativa provinciale nel settore energetico e in particolare per il risparmio e l’efficienza energetica negli usi finali, nonché raccoglie e analizza i dati e le informazioni a supporto della realizzazione del Piano Energetico Ambientale Provinciale;
  • rilascia le autorizzazioni e le concessioni di competenza della Provincia previste dalla normativa statale e provinciale in materia di energia, nonché di vigilanza e controllo nei confronti dei soggetti titolari delle stesse;
  • gestisce l’energia elettrica spettante alla Provincia ai sensi dell’articolo 13 dello Statuto speciale e di quella acquisita ai sensi dell’articolo 8 del decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo 1977, n. 235);
  • segue lo svolgimento del servizio pubblico di distribuzione del gas naturale per la Provincia autonoma di Trento, come previsto dalla normativa vigente;
  • vigila sul corretto utilizzo delle risorse idriche, in particolare attraverso l’attuazione degli strumenti attuativi del Piano Generale di Utilizzazione delle Acque Pubbliche (bilanci idrici, Fascicolo integrato di acquedotto, ecc.), fatto salvo quanto effettuato a fini diversi da quelli di utilizzazione delle acque pubbliche da altre strutture provinciali;
  • cura gli adempimenti concernenti le concessioni e gli altri provvedimenti di utilizzazione delle acque pubbliche nelle varie forme d’uso, classificate sia come grandi che piccole derivazioni, comprese le acque sotterranee;
  • determina i canoni dovuti per l’utilizzazione delle acque pubbliche, nonché determina e ripartisce i sovraccanoni e gli altri oneri dovuti per l’uso idroelettrico delle acque;
  • assicura consulenza e supporto tecnico e amministrativo in materia di energia e di pianificazione energetica;
  • promuove iniziative di ricerca e sperimentazione per il risparmio della risorsa idrica, per il contenimento dei consumi energetici e per il miglioramento dell’efficienza energetica di strutture ed infrastrutture;
  • coordina le attività della Provincia Autonoma di Trento connesse con le funzioni esercitate dalle Autorità di Bacino nazionali e dai Distretti idrografici;
  • esegue, in collegamento con le altre strutture ed enti, le procedure d'istruttoria per il rilascio delle autorizzazioni previste dagli artt. 16 e 17 delle norme di attuazione del Piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche, per la realizzazione di interventi in zone R3 e R4.


Per la XV Legislatura, sotto il profilo istituzionale, l'Assessore di riferimento è Gilmozzi Mauro, che amministra le competenze relative a lavori pubblici, ambiente, trasporti ed energia «...anche relativamente agli articoli 12 e 13 dello Stauto speciale e al d.P.R. 26 marzo 1977, n. 235, come modificato e integrato dal decreto legislativo 11 novembre 1999, n. 462 (comprese tutte le attività relative alla produzione, trasporto, distribuzione, importazione, esportazione, trasformazione, acquisto e vendita dell'energia elettrica da qualsiasi fonte prodotta, quindi anche mediante l'utilizzo delle acque pubbliche a mezzo di concessioni sia di grandi che di piccole derivazioni» (Decreto del Presidente n. 53-1/Leg di data 26 novembre 2008).

 
Chi siamo e cosa facciamo
 
 
credits | note legali | Intranet | scrivi al gruppo web | Cookie Policy