Logo per la stampa

Provincia Autonoma di Trento - Agenzia provinciale per le risorse idriche e l'energia

 
 
 
 Home  Agenzia provinciale per le risorse idriche e l'energia » Ri-assegnazione grandi derivazioni idroelettriche
Ri-assegnazione grandi derivazioni idroelettriche
diga preambolo

á

Sulla base del quanto previsto dal d.P.R. 26 marzo 1977, n. 235 (Norme di attuazione dello statuto speciale della Regione Trentino - Alto Adige in materia di energia), come modificato dal d.Lgs. 11 novembre 1999, n. 463 e dal d.Lgs. 7 novembre 2006, n. 289, spetta alla Provincia autonoma di Trento l'esercizio delle funzioni, giÓ esercitate in precedenza dallo Stato, in materia di grandi derivazioni di acqua pubbliche a scopo idroelettrico ubicate nel proprio territorio e per quelle poste a scavalco con il territorio della Regione del Veneto.

La loro disciplina Ŕ disposta in base al d.P.R. 22 marzo 1974, n. 381 (Norme di attuazione dello statuto speciale per la regione Trentino - Alto Adige in materia di urbanistica ed opere pubbliche)e alla legge provinciale (l.p. 6 marzo 1998, n. 4, l.p. 5 febbraio 2007, n. 1) e avviene nel rispetto degli obblighi derivanti dall'ordinamento comunitario e degli accordi internazionali, dell'art. 117, secondo comma della Costituzione, nonchÚ dei principi fondamentali delle leggi dello Stato.

La legge provinciale n. 4/1998 disciplina la scadenza delle vigenti concessioni di grande derivazione d'acqua a scopo idroelettrico e la possibilitÓ della loro ri-assegnazione.

 
Ri-assegnazione grandi derivazioni idroelettriche
AVVISI PUBBLICI
 
 
credits | note legali | Intranet | scrivi al gruppo web | Cookie Policy